Copyright © Xavier Poiret

 

 



Petizione



Ogni anno in Italia vengono ricoverate per trauma cranico 2500 persone ogni milione di abitanti. 
Complessivamente i morti per questo tipo di patologia sono oltre 8000 e oltre 50.000 riportano esiti invalidanti. I costi per la collettività annui per questa patologia sono oltre i 40 mila miliardi, di cui un terzo per la spesa sanitaria.
Un tributo enorme che interessa ancora più il Trentino che non è sede di una struttura neurochirurgica, indispensabile per garantire lo standard minimo di assistenza riconosciuto internazionalmente.
Se lo desiderate, fate giungere un vostro messaggio all'Assessore delle Politiche Sociali e alla Salute.
Il testo proposto può essere inviato o modificato a vostro piacimento.

 

Egregio Assessore,
il trauma cranico rappresenta, in Italia, la prima causa di morte fra i 15 ed i 35 anni. Anche il Trentino fornisce il suo pesante contributo: ogni anno sono circa 1500 i traumatizzati cranici che vengono ricoverati in ospedale.
Da un recente studio è stato evidenziato il fatto che, se si rendono necessarie delle prestazioni di tipo neurochirurgico, il tempo medio di trasferimento presso un centro sede di neurochirurgia è di circa 6 ore. Per prevenire l'evoluzione infausta o limitare gli esiti invalidanti, il tempo consigliato dalle linee guida internazionali è di 2 ore.
Il ritardato intervento neurochirurgico può portare a rilevanti costi personali e sociali.
Un invito quindi, affinché l'ente pubblico prenda atto e risolva l'annoso problema dell'assistenza traumatologica in Trentino.
Si confida sul Suo personale interessamento.

 


 

Copyright © 2001-2008 new MAGAZINE srl - Italy